Prosegui con:
ALTRE INFORMAZIONI SU MABON
ECATE TRIFORMIS O TRIGEMINA
Torna al calendario delle feste esoteriche
21 Settembre - Equinozio di Autunno - Mabon - Secunda
LA SECONDA FESTA DEL RACCOLTO
- Festa iniziatica
- Michaelmas o Michael Supremo
- Equinozio d'autunno

"Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e conoscenza."
( XXVI-Inferno Divina Commedia)













Egli è il vincitore della Bestia, l'alter ego di Satana.
Angelo Solare abbinato all'elemento Fuoco.

 
Sigillo di Michael

Vedi tutte le informazioni
per il Rituale di Michael


Viene invocato la Domenica per ragioni di difesa
esorcismo, per acquisire forza e volontà,
per il successo e il denaro.


Il ciclo si è quasi chiuso, la natura si prepara alle brume invernali.
Il seme sepolto nel terreno ( a Mabon e Samhain ) muore e da esso nasce la nuova pianta ( a Yule ), che percorrerà tutto il suo cammino ( a Imbolc, Eostara, Beltaine sino al Solstizio d’Estate ), e maturerà ( a Lughsanad ) per poi di nuovo  generare un nuovo seme che cadrà nella terra per dare inizio ad un nuovo ciclo. Questo è il ciclo detto del Serpente che si svolge nell'arco di un anno solare, scandito dalle stagioni, e che comprende tutta l'intera nostra vita.
Uscire da questo ciclo significa elevarsi, come dicevano gli antichi, riscoprendo la propria dimensione divina ed immortale.
Il concetto è alla base anche delle iniziazioni e dei misteri Eleusini. Mabon è uno dei Sabba minori, l'ultimo prima di Samhain e prima della fine del ciclo. E' anche la seconda festa del raccolto e di ringraziamento per le streghe che festeggiano al chiarore dei falò. La terra si prepara adesso al suo lungo sonno invernale e il sole al suo regno oscuro. In gergo esoterico si dice che il sole scende letteralmente agli "inferi" e le tenebre cominciano a prevalere sulla luce. A Mabon luce e tenebra si trovano però di nuovo in equilibrio perfetto. Mabon segna la fine dell’anno esoterico e dell’anno naturale. Il ciclo produttivo e riproduttivo è concluso, le foglie cominciano a ingiallire e gli animali iniziano a fare provviste in previsione dell’arrivo dei mesi freddi. La Madre Terra riposa. Per chi pratica la Magia è tempo quindi di fare bilanci. Noi sappiamo ciò che è stato seminato e si può constatare adesso quali frutti abbiamo veramente raccolto.
E' questo un momento critico di passaggio e la barriera tra il mondo visibile e quello invisibile si fa molto più sottile. Il periodo Equinoziale di Autunno è chiamato anche Michaelmas o Michael Supremo, il giorno dedicato all'arcangelo di fuoco e di luce alter ego di Lucifero. Il mese di settembre era anche, in passato, il periodo in cui si svolgevano i Grandi Misteri di Eleusi; i rituali basati sul simbolismo del grano.
Se Lammas è l'inizio del raccolto, Mabon è la fine del raccolto e il suo completamento e quindi il raccolto dell'ultima frutta, degli ultimi ortaggi e dell'uva. La fabbricazione del vino e dalla raccolta delle uve, la pressatura e sino alla chiusura del vino nel buio delle botti, ha procedure che venivano accompagnate da rituali ben specifici perchè il processo della fermentazione delle uve era visto come la trasformazione spirituale del nuovo adepto che si svolge durante le iniziazioni e i riti misterici, nel buio di santuari sotterranei, ( il nostro IO interiore ove risiede la nostra volontà magica ) . Mabon va vista in effetti come una festa iniziatica, rivolta alla ricerca di un nuovo livello di consapevolezza. E' tempo di volgersi all'interiorità.
Nella parte declinante della Ruota dell'Anno si viaggia dentro noi stessi, entriamo nel tempio del buio per riflettere sui misteri della trasformazione attraverso i concetti di morte e rinascita e ci prepariamo per l'arrivo dell'inverno. Si festeggia in abbondanza ed allegria con cibi e bevande, devono essere allestiti grandi banchetti. Le divinità della terra vengono ringraziate per i loro doni, auspicando un futuro ritorno dell'abbondanza per gli anni successivi ricordandoci sempre di lasciarne una parte del nostro banchetto per la terra e le sue creature. Tutto ciò che di commestibile abbiamo messo sulla nostra tavola e ci è avanzato va donato e portato all'aperto ed offerto ad animali ed uccelli in segno di ringraziamento nei confronti della Grande Madre Terra che ci ha elargito i suoi doni.

Michael Supremo
E' l'Arcangelo della luce e del fuoco e il suo nome, Michael, Ma-Ha-El, significa "Il Grande Dio" o "Simile a Dio". Infatti, in sanscrito, Maha significa "grande" e El sta per Dio.
E' il principe e comandante supremo delle schiere celesti.

Michael è colui che protegge, libera persone e case dal negativo, distrugge le opere di magia nera e sortilegio, è molto amato e venerato. Bellissimo, splendente di luce, circonfuso di vittoria, è "l'Arcangelo solare" per eccellenza. Indossa la corazza e brandisce la spada con cui ha sconfitto l'eterno nemico: il male sotto ogni sua forma. Per tradizione Michael è l'arcangelo guerriero, il protettore dalle insidie che provengono dalle forze Oscure e non. Con la sua spada fiammeggiante oltre a sconfiggere il male egli squarcia il buio, sconfigge le tenebre e riporta ai suoi protetti il conforto della Luce. Questo suo aspetto di guerriero vittorioso ed invulnerabile gli assicurerà il grande favore da parte di tutti gli eserciti, i soldati ed i regnanti di tutte le epoche. Sul piano umano, l'Arcangelo Michael aiuta il raggiungimento del successo, l'affermazione, facilita la lotta per il superamento degli ostacoli. La tradizione lo vede assimilato a tutto quanto concerne alla Potenza in tutti i suoi aspetti positivi. Angelo Solare, elemento Fuoco, domina la costellazione del Leone, dell'Ariete e del Sagittario.


Le pratiche per Mabon
La tavola deve essere imbandita con tovaglia e tovaglioli di color rosso fegato, con candele dello stesso colore rosso scuro oppure marroni. La tavola deve essere decorata con erbe secche, patate, ghiande, mais, fiori di girasole e foglie autunnali. Sulla tavola non devono mancare biscotti di farina di avena, mandorle e succo di mela per ringraziare gli antenati e i defunti. Mettere un posto in più a tavola per gli invisibili festeggiati.
Una pietanza tradizionale è il pane di grano, come i fagioli le patate e le zucchine al forno.
La patata è una verdura simbolica per Mabon perchè essa si forma e cresce sotto la terra. Sono quindi indicate anche cotte nel modo tradizionale sotto la cenere o arrostite nella carta stagnola, naturalmente con tutta la buccia.
Il falò ( anche simbolico all'interno di un piccolo calderone o bracere ) viene acceso con le foglie secche e gli sterpi che si raccolgono in giardino. Le bevande della festa sono: il vino, l'orzo fermentato e il sidro di mela e pera.
L'incenso di Mabon è composta da una mistura di ibisco, mirra, petali di rose e salvia. I petali di rosa e la salvia possono essere messi anche sulla nostra tavola a patto che non siano freschi.
Il cigno è l'uccello dell'Equinozio in quanto indica l'immortalità dell'anima ed è la guida dei morti nell'aldilà.
Sono molto indicati in questo periodo gli esercizi di rilassamento e di meditazione.
Se ne avete ha la possibilità concedetevi una breve vacanza con l'esclusivo scopo di riposare. Questo è il periodo ideale per passeggiate ed escursioni in campagna e in collina, per salutare la Natura che si prepara al suo riposo invernale.
Nelle feste del raccolto si confezionano degli oggetti simbolici come le Bambole del Grano, formate dalle ultime spighe raccolte e legate con un filo rosso. La bambola deve essere conservata e poi bruciata per Imbolc.



Builder Web ©BETH E-Mail Contact DarkMaster BethStrega Home Page Index